Protocolli operativi della sterilizzazione

Lo scopo di questo articolo è di informarvi sulle rigorose procedure di disinfezione e sterilizzazione adottate nel nostro studio, a garanzia di prestazioni sicure e della tutela della salute sia dei nostri pazienti, che del personale medico e paramedico, peraltro vaccinato contro l’epatite virale di tipo B.

Durante l’applicazione di tutte le procedure operative vengono adottate le precauzioni di base, stabilite da linee guida nazionali ed internazionali.

Tutti gli operatori utilizzano dispositivi di protezione individuale (mascherine, guanti monouso, occhiali, camici, cuffie, etc…). In studio facciamo largo uso di materiale monouso. Gli strumenti che devono essere reimpiegati, quali trapani, frese, curette, dopo l’uso vengono sottoposti a lavaggio, decontaminazione in apposita atrezzatura a ultrasuoni e con successiva sterilizzazione in autoclave, nel rispetto delle normative vigenti.

Il principale obbiettivo della sterilizzazione è quello di garantire strumenti e materiali decontaminati e sterili,quindi sicuri, al momento del loro utilizzo.

Procedure e organizzazione dello studio garantiscono livelli di sterilizzazione indispensabili per il controllo delle infezioni incrociate.
Di seguito viene descritto il protocollo adottato sistematicamente nel nostro studio.

Decontaminazione e lavaggio

Dopo l’uso, tutto lo strumentario odontoiatrico viene sottoposto a decontaminazione mediante immersione in soluzioni chimiche adeguate in un apposita vasca lava strumenti automatica a ultrasuoni. La metodica di lavaggio delle lava strumenti assicura un’omogenea rimozione dello sporco, grazie all‘uso di una concentrazione di soluzione detergente adeguata, coadiuvata dall’azione meccanica degli ultrasuoni, che, grazie alla cavitazione del liquido di decontaminazione, rimuove i più piccoli residui nelle parti altrimenti inaccessibili dello strumentario. All’azione meccanica di detersione è associato un processo di disinfezione chimica. Alla fine del ciclo di decontaminazione, lo strumentario viene automaticamente sciacquato, quindi sottoposto ad altro ciclo di ultrasuoni, poi sempre senza l’intervento dell’operatore, asciugato con aria calda.
L’automatizzazione del processo, oltre a garantire la ripetitività delle operazioni, riduce drasticamente i rischi di eventi avversi al personale addetto alla sterilizzazione dello strumentario.

Confezionamento

Gli strumenti vengono introdotti in apposite buste di carta/polipropilene, le cui estremità vengono termosaldate per evitare contaminazioni nelle fasi successive.

Sterilizzazione in autoclave

Dopo il confezionamento gli strumenti sono inseriti nell’autoclave di clase B, come raccomadato dalle più recenti linee giuda. Le autoclavi sono macchine che utilizzano vapore acqueo saturo, con rimozione forzata dell’arianella camera di sterilizzazione. La sterilizzazione consiste nell’immissione di vapore ad alta temperatura (134°C) per l’eliminazione di ogni forma di potenziali contaminanti.

Stoccaggio

Terminato il ciclo di sterilizzazione, le buste contenenti gli strumenti, opportunamente raffreddate, vengono prelevate dall’autoclave e stoccate negli appositi spazi nelle sale operative.

  • Gli strumenti sterilizzati in unica busta restano tali per 30 giorni.
  • Gli strumenti sterilizzati in doppia busta restano tali 60 giorni.

Nel nostro studio si applicano rigorosi controlli

Per assicurare un tracciabilità delle procedure di sterilizzazione ogni busta viene datata.

Ogni ciclo di sterilizzazione viene registrato su scontrino e ogni scontrino viene inserito in un apposito registro.

  • Test Fisici (test di Bowie – Dick)
  • Test Chimici (indicatori di processo visibili sul retro delle buste ed indicatori di sterilizzazione)
  • Test Biologici (inserimento in autoclave di una fiala ermetica contenente spore innocue di Bacillus Stearothermophilus che vengono trattate in autoclave).

Sono svolti regolarmente e registrati in apposito registro.

Questo procedure consentono un monitoraggio costante dell’adeguato trattamento dello strumentario di studio, garantisce il controllo e la prevenzione di qualsiasi forma di contaminazione crociata.

La documentazione che convalida il processo di sterilizzazione viene conservata in un apposito registro, garantendo un tracciabilità delle procedure.Il personale medico e paramedico dello studio è a vostra disposizione per ulteriori delucidazioni in merito all’argomento.

Il personale medico e paramedico dello studio è sempre a vostra completa disposizione per ulteriori delucidazioni in merito all’argomento.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *