Masticazione: correlazione con i dolori del rachide

Masticazione e dolore

Come nel disegno di un cerchio non si può trovare l’inizio, allo stesso modo le malattie derivano il loro principio da ogni parte del corpo”.

Così si legge in un passo del Corpus Hippocraticum. Anche oggi, a distanza di secoli, secondo la visione olistica, sempre più condivisa dalla comunità scientifica, ogni parte del nostro organismo è ritenuta in continuo, vicendevole dialogo, alla ricerca di un costante equilibrio. E la bocca e i denti non sono parti separate dal resto del corpo. Continua a leggere

Bite

Bite: a chi si rivolge

Per una persona su dieci stringere i denti durante il riposo notturno è un modo inconsapevole di scaricare le tensioni quotidiane. Ci si sveglia, però, con la mandibola stanca, i denti si appiattiscono e si usurano, nascono anche altri dolori: siamo in presenza del fenomeno del bruxismo. Continua a leggere

Bruxismo

Bruxismo: cos’è

Stringere i denti non sempre è sinonimo di sopportare un dolore. Spesso è un’abitudine deleteria che i dolori li può far venire. Si chiama bruxismo ed è un fenomeno frequente soprattutto durante il sonno, quando è impossibile esercitare un controllo cosciente sui movimenti. L’etimologia del termine è rintracciabile nel grecobrùko” che significa mordere, divorare, digrignare. Continua a leggere

Lo schema dentale

A volte vi sembra che il vostro dentista stia parlando in codice? Non è così: si sta semplicemente riferendo ai vostri denti impiegando lo schema dentale oggi maggiormente usato, ovvero quello della FDI (Federation Dentaire Internationale).

Questo schema attribuisce ad ogni singolo elemento dentario una nomenclatura chiara, in modo da evitare qualsiasi possibilità di confusione.
Attraverso questo metodo, quindi, è possibile denominare in maniera inequivocabile ogni dente nella sua posizione specifica. Continua a leggere