Igiene orale professionale

L’insieme di pratiche eseguite da un professionista abilitato (Odontoiatra o Igienista Dentale) all’interno di una struttura predisposta all’esecuzione di tale attività che comprende l’asportazione della placca batterica e dei depositi di tartaro presenti su tutte le superfici del cavo orale (denti, lingua, gengive, guance, superfici sottogengivali, manufatti protesici mobili o fissi, Apparecchi ortodontici fissi o mobili), nonché il controllo dello status generale della bocca, lucidatura e brillantatura dei denti.

Prima di iniziare tale pratica il paziente va informato ed educato alla pratica domiciliare di igiene della bocca in modo olistico tenendo conto dell’importanza dell’igiene orale per la salute e il benessere generale della persona, dopo di che, letto, compreso e firmato il consenso informato, il paziente è invitato ad accomodarsi nella poltrona odontoiatrica e, all’occorenza, gli verranno ri/spiegate tutte le procedure alle quali sarà sottoposto. Solitamente una seduta di igiene orale inizia con un risciacquo della bocca con un collutorio antisettico per circa un minuto per abbassare la carica batterica del cavo orale diminuendo cosi l’entità della batteriemia e della quantità di batteri sospesi nell’ambiente in conseguenza dell’utilizzo di attrezzature odontoiatriche rotanti o vibranti e quindi per proteggere sia il paziente stesso che l’operatore/i ed eventuali altre persone presenti, allo scopo di evitare spiacevoli infezioni incrociate.

Il professionista farà una valutazione generale dello stato di salute del paziente attraverso un esame extra ed intra orale per poter meglio valutare eventuali scostamenti della norma dell’aspetto e la funzionalità dei vari organi e tessuti di interesse nella regione testa – collo. Sarà quindi rilevata la pressione arteriosa, le pulsazioni, la qualità dei muscoli, dei noduli linfatici, della cute, dei capelli, delle mucose presenti nel distretto testa – collo. Saranno valutati altresì anche elementi di specialità odontoiatrica necessari per eventuali valutazioni da parte di altri membri dell’équipe odontoiatrica (classe di Angle, overbite, overjet, ecc.). Verrà eseguito il charting con lo scopo di annotare la situazione dentaria (denti, manufatti presenti e le condizioni loro) dopodiché si passerà alla vera igienizzazione della bocca asportando il tartaro presente utilizzando allo scopo sia strumenti meccanici che manuali, e se sarà necessario si utilizzerà l’air flow, la lucidatura e la brillantatura dei denti. Numerosi sono gli strumenti a disposizione dell’operatore che saprà utilizzare i più adatti per ogni paziente in parte con l’obiettivo di recare meno disagi alla persona ma cercando di eseguire una prestazione quanto più completa. A volte purtroppo è necessario rimandare il paziente ad una nuova seduta di igiene professionale a breve distanza temporale per l’impossibilità di concludere la stessa, dovuta a massicci ed estesi depositi duri e molli presenti sui denti che richiedono più tempo e per i quali la rimozione totale in un’unica seduta potrebbe portare a stati flogosi post intervento piuttosto spiacevoli. Sarà il professionista, anche questa volta, insieme al paziente stesso a stabilire i tempi ed i modi per la nuova seduta. Alla fine, caso per caso, verranno date delle indicazioni personalizzate relative al successivo incontro che in assenza di diverse indicazioni avviene dopo 6 mesi circa e a come il paziente dovrà continuare a prendersi cura della propria bocca.

[hr]

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *