Bambini: come affrontare la prima visita dal dentista

È arrivato il momento di andare per la prima volta dal dentista? Ed ecco arrivare anche puntuale la paura. Il bambino inizia ad agitarsi, fa i capricci e l’appuntamento dall’odontoiatra diventa un vero e proprio incubo per grandi e piccini. Come riuscire a far sedere tranquillamente il bambino sulla poltrona del tanto temuto dottore?

Ebbene, sono i genitori a giocare un ruolo decisivo nell’insorgenza delle paure dei propri figli, in particolare i papà hanno un ruolo molto importante nel trasferire sicurezza, e non timore, al bambino. Spesso, infatti, sono proprio i genitori a cambiare umore alla parola “dentista”, prestando poca attenzione a quello che dicono e alle emozioni che trasmettono.
L’adulto potrebbe aver descritto, anche inconsapevolmente, una propria o altrui esperienza come traumatica e dolorosa e di conseguenza il bambino tenderà ad associare ciò che ha appreso da mamma e papà alla propria esperienza. Per affrontare serenamente la prima visita odontoiatrica, dunque, il primo passo da compiere è a casa, con il giusto approccio e un comportamento corretto.

Innanzitutto il dentista non deve mai essere usato come spauracchio o punizione per indurre i piccoli a lavare i denti. Non bisogna mai parlare dell’odontoiatra come di un medico che fa male; va piuttosto presentato come un dottore che protegge la salute dei denti, di cui mamma e papà si fidano.
È importante essere calmi e mostrarsi sicuri di sé. I genitori devono mostrarsi tranquilli, ma allo stesso tempo disponibili ad ascoltare le paure del bambino. Fare finta di niente, come se si sottovalutasse ciò che il piccolo prova, potrebbe amplificare l’intensità di manifestazione della paura, nella speranza di essere ascoltati e compresi dal genitore. Mamma e papà devono invece accogliere il timore e rassicurare con un abbraccio protettivo. Ma anche in questo bisogna stare attenti e mantenere il giusto equilibrio: se rassicurato troppo potrebbe pensare che ci sia davvero qualcosa da temere! Non si deve mai mentire al bambino su quello che avverrà nello studio medico, quindi è preferibile raccontare con serenità quello che realmente il dottore farà. Se uno dei genitori non ha un rapporto sereno con la poltrona dell’odontoiatra è preferibile non accompagni il proprio figlio, perché non riuscirebbe a rassicurarlo, anzi gli trasmetterebbe la propria paura.

La maggior parte del lavoro per affrontare serenamente la prima visita odontoiatrica va svolta quindi da mamma e papà. Solo successivamente subentra la professionalità del dentista che dovrà instaurare la giusta comunicazione con il piccolo.

Il primo appuntamento dovrebbe avere quasi un’impronta ludica e servire a far conoscere lo studio e gli strumenti sanitari al bambino, instaurando un rapporto di fiducia con il dottore. È preferibile fissare l’appuntamento al mattino, quando il piccolo è più riposato.
Il dottore spiegherà man mano che esegue il suo lavoro cosa sta facendo, usando un linguaggio semplice e un tono di voce calmo e sicuro, stimolando così la curiosità del bambino. Potrebbe anche, in un primo momento, guardare i denti del genitore così da spiazzare il piccolo e tranquillizzarlo, dandogli la dimostrazione pratica sul fatto che non ci sia nulla da temere.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *